Parte lo studio di fase III di Aflibercept nella retinopatia del prematuro (ROP).

E’ partito lo studio internazionale di Fase III su Aflibercept nella retinopatia del prematuro (ROP). Lo studio è promosso da Bayer e coinvolge centri di 34 paesi nel mondo, tra cui 5 italiani.

Parteciperanno circa 113 neonati che saranno randomizzati per ricevere aflibercept o fotocoagulazione laser.

La retinopatia del prematuro si stima sia responsabile di un numero compreso tra il 6-18% dei casi di cecità infantile nei paesi sviluppati ed è dovuta a uno sviluppo incompleto, o anomalo, della vascolarizzazione della retina conseguente alla nascita anticipata. Questi problemi possono causare la formazione di tessuto cicatriziale e distacco della retina con la conseguente compromissione visiva e cecità irreversibile.

“Nella sua forma più grave, la retinopatia del prematuro può causare cecità totale - dichiara il Professor Stahl della Clinica Oculistica Universitaria di Greifswald - tuttavia è una malattia che, se individuata e trattata adeguatamente in modo tempestivo, in molti casi può essere gestita.”

Lo studio ha come obiettivo primario la misura della proporzione di pazienti con assenza di ROP, o di condizioni strutturali che la favoriscano, nelle 24 settimane successive al trattamento.

I centri italiani selezionati che stanno per far partire all'arruolamento sono:

  • IRCCS Ospedale Pediatrico Bambino Gesù - Roma
  • Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli - Roma
  • Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico - Milano
  • A.O. di Perugia - Perugia
  • A.O.U. Integrata Verona - Verona