Sperimentazione clinica come risorsa: l’impatto economico sul SSN

Pochi giorni fa è stato presentato in Senato il primo strumento che consente di effettuare una stima dell’impatto delle sperimentazioni cliniche nella prospettiva delle aziende sanitarie.

Stem Cell iStock 000007302659Small largeIl modello, denominato ValOR, è stato sviluppato da Roche in collaborazione con l’Alta Scuola di Economia e Management dei Sistemi Sanitari (ALTEMS) con l’obiettivo di misurare l’impatto economico delle sperimentazioni cliniche in un contesto di applicazione reale.
Il modello è stato poi testato e validato da due importanti realtà sanitarie: Fondazione Agostino Gemelli di Roma e ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Gli studi clinici presi in considerazione, compresi nel periodo 2011-2016, sono stati svolti in ambito onco-ematologico. Il prof. Americo Cicchetti, direttore di ALTEMS spiega così i numeri dell’analisi “A fronte di un totale di finanziamenti erogati agli ospedali di 66,6 milioni di euro, il totale del risparmio per farmaco è stato di 84,6 milioni, con un impatto totale sul sistema sanitario pari a 151,3 milioni. Se tale dato venisse confermato a livello nazionale, riproporzionando per il numero di sperimentazioni cliniche registrate grazie al rapporto Osmed 2015 per le 86 Aziende Ospedaliere Universitarie e i 48 IRCSS tra pubblici e privati, il risparmio totale a livello nazionale potrebbe aggirarsi tra i 320 ed i 360 milioni di euro in un solo anno."

Risparmi di tale portata rappresentano un grosso vantaggio per le aziende ospedaliere che "non sostengono costi di per procedure diagnostiche, dispositivi medici, farmaci ed altri materiali di consumo per la cura dei pazienti arruolati - commenta Carlo Nicotra, direttore generale della ASST Papa Giovanni XXIII di Bergamo. Inoltre, questi risparmi potrebbero essere utilizzati per investimenti su tre livelli fondamentali: scientifico (personale e formazione), Economico (minore spesa regionale e possibilità di maggiori fondi per la ricerca indipendente) e manageriale (implementazioni di processi rigorosi ed efficaci nell’azienda).
A fronte, quindi, di un processo scientifico che assicura al paziente un’assistenza sanitaria complessiva di altissima qualità, la sperimentazione clinica rappresenta anche un’opportunità da non sottovalutare nell’ottica della sostenibilità del nostro Servizio Sanitario Nazionale.

I risultati di questo modello sono stati pubblicati in un istant book “Valorizzazione delle sperimentazioni cliniche nella prospettiva del SSN” disponibile sul sito ALTEMS.

Per ulteriori informazioni clicca qui.